Notizie

giovedì 21 novembre 2019 FIT TRENTINO
News

Definiti gli abbinamenti dei play-out: sarà Ata-Massa Lombarda


E’ andata bene. L’urna sorride all’Ata, l’avversario dei play-out è sicuramente il più abbordabile dei tre possibili: i trentini si giocheranno infatti la permanenza in serie A1 con i romagnoli del Ct Massa Lombarda, grosso borgo non lontano da Imola, in provincia di Ravenna. Scongiurata la piccola beffa della passata stagione e scampati i pericoli maggiori, rappresentati dal Tc Prato dell’italo-argentino Gabriel Arguello, numero 299 al mondo, e dello slovacco Filip Horansky, numero 173, e soprattutto il Tc Italia di Lorenzo Sonego e Stefano Travaglia. Massa Lombarda è un ostacolo tosto, ma fa meno paura, anche perché non potrà disporre del giocatore di miglior classifica, il cinese Zhizhen Zhang, numero 139, mai schierato nella prima fase del torneo. “Abbiamo evitato Prato che ci aveva condannato un anno fa - ha confidato il presidente Renzo Monegaglia - sarebbe stata sicuramente l’avversaria più difficile da affrontare, anche da un punto di vista psicologico. Domenica scorsa a Bologna la squadra ha dato tutto, dovrà fare lo stesso anche con Massa. Sarà fondamentale cominciare con il piede giusto questi spareggi.” Certo la compagine romagnola non va sottovalutata, lo strapotere di Genova e Torre del Greco l’ha relegata alla lotta salvezza con i baresi dell’Anguilla nel girone 3, ma ha giovani di talento come il 22enne Julian Ocleppo, figlio di Gianni, ex numero 26 al mondo, salito recentemente tra i primi trecento della classifica Atp, o come il 17enne 2.4 comasco Lorenzo Rottoli, che dopo due stagioni fortemente condizionate dai problemi fisici, ha ritrovato nella scorsa estate continuità e risultati. Il più positivo finora nelle file ravennate, tre vittorie su quattro. In rosa ci sono anche il 2.2 Samuele Ramazzotti, classe 1999, e i 2.4 Alessio De Bernardis e Riccardo Perin. Quest’ultimo però ben difficilmente potrà essere della partita, lo sfortunato tennista romagnolo è uscito illeso come il resto dei compagni dallo spaventoso incidente stradale occorso alla squadra durante il viaggio verso Bari, nel pomeriggio di sabato, alla vigilia dell’ultima gara di campionato. Lo scoppio di un pneumatico posteriore del pullmino su cui viaggiava la formazione di Massa, condotto dal capitano Michele Montalbini, ha provocato all’altezza di Termoli la perdita di controllo del mezzo, uscito di strada per fortuna senza coinvolgere altri veicoli. A bordo, oltre al maestro Montalbini e al vice capitano Nicola Gualanduzzi, si trovavano i giovani giocatori Alessio De Bernardis, Lorenzo Rottoli, Riccardo Perin e Jacopo Bilardo. Proprio Perin è stato quello a riportare le conseguenze fisiche più serie, costretto a trascorrere una notte in ospedale con una vertebra incrinata (dovrà portare per un mese un collare protettivo), mentre gli altri componenti della squadra se la sono cavata con qualche ammaccatura e tanta paura. Sono poi scesi in campo a Bari, ma solo per onor di firma e per evitare eventuali penalità. La sfida con l’Angiulli è durata infatti lo spazio di pochi games.
QUI ATA - Il capitano Max Labrocca sperava di avere a disposizione per i play-out anche Sebastian Ofner, classe 1996 e numero 173 al mondo, ma l’austriaco ha dovuto rinunciare alla trasferta in terra emiliana per giocare la finale del Challenger di Ortisei (poi persa con Yannik Sinner) e questo gli precluderà la possibilità di disputare gli spareggi. Conforta l’eccellente condizione di Marco Brugnerotto, che ha dominato il 2.2 Luca Pancaldi, che potrebbe trovare nuovamente posto nella formazione di partenza insieme al lituano Laurynas Grigelis. All’Ata serviranno soprattutto i punti di Mattia Bernardi e Davide Ferrarolli, che finora non hanno mai tradito, ben comportandosi anche in doppio.

PROGRAMMA - Le squadre terze e quarte classificate nella fase a gironi partecipano ad un tabellone di play out ad otto squadre, con formula di andata e ritorno. La prima partita si giocherà dmenica 24 novembre all'Ata (inizio ore 10), la gara di ritorno sette giorni più tardi in casa della squadra 3^ classificata, il Ct Massa Lombarda.

La Rosa del CIRCOLO TENNIS MASSA LOMBARDA: Zhizhen Zhang (2.1), Samuele Ramazzotti (2.2), Julian Ocleppo (2.3), Lorenzo Rottoli (2.4), Alessio De Bernardis (2.4), Riccardo Perin (2.4), Fabrice Martin (2.6), Ronnj Capra (2.6), Jacopo Bilardo (2.7), Marco Cinotti (2.7), Giacomo Caroli (3.2), Luca Degiovanni (3.3), Lorenzo Quattrini (3.3), Edoardo Rivola (3.4), Francesco Fabbri (3.5), Giovanni Zardi (3.5).

I SORTEGGI - Uno scontro tra titani ed un derby. Questo l’esito del sorteggio svoltosi nella mattinata di martedì nella sede federale per quanto riguarda i play off scudetto di Serie A1 maschile. Sporting Club Selva Alta Vigevano-Park Tennis Club Genova e Match Ball Siracusa-CT Vela Messina sono le semifinali da cui usciranno le due finaliste che si contenderanno il tricolore nella finale dell’8 dicembre al PalaTagliate di Lucca. Andata il 24 novembre a Vigevano e Siracusa, il ritorno l’1 dicembre a campi invertiti. Questa l’analisi delle sfide play-off.
VIGEVANO-GENOVA
Lo Sporting Club Selva Alta Vigevano è la squadra ad aver conquistato più punti nella fase a gironi, 16 a fronte di cinque vittorie e un pareggio. Ma la qualificazione nel gruppo 2 è stata in bilico fino all’ultima giornata con il testa a testa contro il Parioli. Filippo Baldi si è caricato la squadra sulle spalle insieme a Roberto Marcora, traghettandola fino alle semifinali. Saranno loro i due punti di forza verso la finale, oltre al jolly Antoine Hoang, utilizzato nell’ultimo turno e quindi a disposizione.
Nella fase a gironi, il Park Tennis Club Genova ha confermato di meritare il ruolo di grande favorito per la vittoria finale di cui era accreditato già allo start del campionato. Lo spagnolo Andujar (che con il 64 Atp e il top player assoluto di queste finali scudetto) Mager, Giannessi, Bolelli, Arnaboldi e Musetti sono le punte del dream team ligure che ha fagocitato il Girone 3 con cinque successi di fila, e saranno tutti convocabili per la fase finale essendo già scesi in campo almeno una volta.
SIRACUSA-MESSINA
Siracusa è senza dubbio la sorpresa più grande della prima fase del campionato. All’ultimo affondo, i siciliani sono riusciti a superare Forte dei Marmi e Crema nel girone 1, incertissimo fino all’ultima giornata. Il portoghese Barreiros Cardoso de Sousa e lo spagnolo Zapata Miralles costituiscono l’impalcatura di una squadra, fini qui trascinata anche dall’ottimo giovane Alessandro Ingarao, sempre impiegato sin qui.
Il CT Vela Messina è l’unica squadra, insieme a Vigevano, ancora imbattuta. Salvatore Caruso e l’argentino Marco Trungelliti sono le stelle del team siciliano, trascinato in semifinale da Gianluca Naso, capace di portare ij dote ben 11 punti, vincendo tutti e sei i singolari disputati e cinque match di doppio.
PLAY OUT - Sorteggiati anche i play out. Questi gli accoppiamenti degli spareggi: SG Angiulli Bari-TC Prato, TC Vomero-TC Italia Forte dei Marmi, Ata Trentino-CTD Massa Lombarda, TC Crema-Ct Bologna. Andata il 24 novembre, ritorno a campi invertiti l’1 dicembre. Le perdenti delle quattro sfide retrocederanno in A2. Vediamo le sfide nel dettaglio
BARI-PRATO
L’Angiulli Bari si è tolto lo sfizio di centrare l’unica vittoria nel gruppo 3 all’ultima ininfluente giornata con Massa Lombarda, quando ormai la condanna agli spareggi salvezza era certa. I toscani sono stati beffati sul filo di lana da Maglie nello sprint per il secondo posto del girone 4.
VOMERO NAPOLI-FORTE DEI MARMI
Non è bastato Thomas Fabbiano per portare Napoli in salvo senza passare per gli spareggi. Vomero ha chiuso all’ultimo posto nel girone 4 ed ora la strada verso la salvezza appare tutta in salita contro Forte dei Marmi, la grande delusa del gruppo 1. Il TC Italia, bruciato da Siracusa e Sassuolo sul traguardo finale, si è ritrovato dalle possibili semifinali, alle tagliole dei play out. Il riscatto può passare dalla racchetta di Travaglia.
CREMA-BOLOGNA
Il TC Crema, a metà del cammino in testa al girone 1, è crollato ritrovandosi a chiudere la classifica dopo tre sconfitte consecutive. Golubev, Lorenzi e Ungur possono essere le ancore di salvataggio contro Bologna, che nel gruppo 2 non è riuscito a reggere il passo di Vigevano e Parioli ed ora si aggrappa a Federico Gaio per mantenere la categoria.

di Luca Avancini
Argomenti

News

Cerca in notizie

Inserire una parola di almeno 4 caratteri. Istruzioni.

Enter a word at least 4 characters. Instructions.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,017 sec.

FEDERAZIONE ITALIANA TENNIS - COMITATO TRENTINO
SanbaPolis CONI | via della Malpensada 84 | 38123 TRENTO | Telefono: 0461 237162
E-mail: federtennis@fittrentino.it
Partita IVA: 01379601006 | Codice fiscale: 05244400585