Notizie

domenica 29 settembre 2019 FIT TRENTINO
News

Inaugurato il campo di padel al Circolo Tennis Calisio


Con il tradizionale taglio del nastro alla presenza di autorità e appassionati è stato ufficialmente inaugurato sabato al Circolo Tennis Calisio di Martignano il primo campo cittadino di padel, disciplina che sta conoscendo negli ultimi anni grande popolarità e seguito. Diffusissimo in Argentina e in Spagna, dove è secondo solo al calcio in quanto a numero di tesserati, il padel è sempre più apprezzato e giocato anche in Italia, resta un parente stretto del tennis, ma ha il vantaggio di risultare subito dinamico ed entusiasmante e soprattutto più facile e intuitivo per chi non ha ancora sufficiente dimestichezza con il suo fratello maggiore. Provare per credere, è l’invito rivolto dai dirigenti del Circolo Tennis Calisio, in testa il maestro Sisto Fusco, circolo che si è dotato di uno splendido campo, tra i primi in assoluto in Trentino, immerso nel verde della collina di Martignano, già attivo da oltre un mese e fornito di tutti i servizi: spogliatoi, bar/ristorante, e la possibilità di noleggiare le racchette. Qualche colpo lo hanno tirato anche molti dei presenti alla cerimonia, e tra questi l’assessore Provinciale Roberto Failoni, l’assessore Comunale Tiziano Uez, il Vice Presidente del Consiglio Comunale Vittorio Bridi, il Presidente della Circoscrizione Argentario Armando Stefani, il Presidente del Comitato Provinciale della Fit Marcello Russolo, il Vice Presidente del Coni Gilberto Gozzer e Don Daniele Laghi, pure lui in rappresentanza del Coni. Il gioco, inutile dirlo, ha catturato l’interesse di tutti, non è un caso d’altronde se il padel conta oggi in Italia oltre 40 mila praticanti, un numero che sta continuando a lievitare sensibilmente. Adesso è pronto per lasciarsi scoprire anche dagli sportivi di casa nostra: farlo è semplicissimo, basta prenotare una sessione di gioco direttamente sul sito del circolo: www.ctcalisio.it. Unica raccomandazione, essere almeno in quattro, il padel si pratica rigorosamente in doppio.

LE REGOLE - A sfidarsi sono sempre due coppie, la modalità di conteggio dei punti è la stessa del tennis; uguale la pallina, cambia ovviamente la racchetta: solida, senza corde e perforata, di norma composta di fibra di vetro e/o fibra di carbonio. Ricorda vagamente i racchettoni che si usano d’estate sulla spiaggia. Il campo di gioco è sostanzialmente identico a quello da tennis, ma come detto risulta più piccolo: 10 metri di larghezza per 20 di lunghezza, diviso in due parti orizzontalmente e verticalmente per individuare le aree in cui deve cadere il servizio. Il servizio si effettua dal basso verso l’alto e l’impatto deve avvenire con la palla che rimane sempre sotto l’altezza dell’anca. Si serve sempre in diagonale, seguendo posizioni identiche a quelle del tennis. I giocatori possono colpire la palla al volo, tranne che in risposta, e possono farla rimbalzare contro le pareti del proprio campo e far sì che questa poi arrivi nel campo avversario passando sopra la rete. La palla non deve mai rimbalzare direttamente sulla parete e non può mai fare più di un rimbalzo a terra nel proprio campo, ma può essere colpita prima che batta a terra anche dopo aver colpito il vetro che delimita il campo.

di Luca Avancini
Argomenti

News

Cerca in notizie

Inserire una parola di almeno 4 caratteri. Istruzioni.

Enter a word at least 4 characters. Instructions.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0 sec.

FEDERAZIONE ITALIANA TENNIS - COMITATO TRENTINO
SanbaPolis CONI | via della Malpensada 84 | 38123 TRENTO | Telefono: 0461 237162
E-mail: federtennis@fittrentino.it
Partita IVA: 01379601006 | Codice fiscale: 05244400585