Notizie

mercoledì 8 maggio 2019 FIT TRENTINO
News

Prequalifi al Foro: ko Deborah Chiesa e Monica Cappelletti


Dall’illusione al rimpianto. Deborah Chiesa e Monica Cappelletti accarezzano l’impresa, dopo averla tenuta viva a lungo con tenacia e determinazione, ma alla fine devono arrendersi. Le speranze delle due tenniste trentine di agguantare i pass per i tabelloni di qualificazione agli Internazionali d’Italia BNL si dissolvono a un passo soltanto dal traguardo e sono due sconfitte che lasciano un retrogusto decisamente amaro, il sapore acre dell’occasione perduta. La Chiesa non affonda i colpi con quella spensierata leggerezza che due anni fa le aveva regalato una meravigliosa passerella accanto alle grandi, ma lotta con cuore e voglia, l’umida terra rossa del Foro le restituisce un po’ di quella magia, di sicuro gli stimoli e la cattiveria per reagire con forza e risalire in superficie dopo un primo set in apnea con la 29enne di origini ucraine Anastasia Grymalska, numero 274 del ranking mondiale. Debby riesce ad allungarsi la vita al terzo set giocando un tie-break quasi perfetto, la Grymalska però è di una fibra robusta, non molla la presa alla distanza, resta lucida e chiude 6-2 6-7(4) 6-4. Resta inevitabile il rammarico anche negli occhi di Monica Cappelletti, le prequalificazioni romane hanno certificato l’accresciuta personalità e la maturità tecnica della 20enne dell’Argentario che dopo la finale al Park Genova ha colto qui altri due successi importanti con giocatrici di spessore come Claudia Giovine e Jessica Pieri, il lasciapassare per le quali poteva essere la ciliegina sulla torta. Peccato perché Monica pare essersi lasciata finalmente alle spalle anche i tormenti fisici delle ultime stagioni, si batte per oltre due ore alla pari con la 23enne ligure Cristiana Ferrando, numero 437 delle classifiche Wta, non si lascia intimidire dall’aggressività della sua rivale che vorrebbe impossessarsi del campo e forzare gli scambi, tiene botta da fondo, ribatte con colpi equilibrati e potenti senza arretrare mai; il match si gioca su poche palle, quelle che premiano la Ferrando capace di gestirle con un pizzico di esperienza in più, soprattutto nei momenti cruciali del tie-break del secondo set che la tennista di Santa Margherita fa suo 8 punti a 6, dopo aver vinto il primo 7-5.
SINNER AVANTI - Sul Pietrangeli poco dopo l’ora di pranzo scorre invece il futuro del tennis italiano che ha i volti puliti di Lorenzo Musetti e Jannik Sinner, già ammirati all’Ata lo scorso febbraio. La spunta in due due ore e trentanove minuti il rosso altoatesino, chiude con 22 vincenti e 26 gratuiti, il carrarese con un bilancio di 22 a 26, ma Sinner si rivela più pronto alla distanza. "All'inizio c'era tanta tensione da tutte e due le parti, ma alla fine è stato un bel match" le sue parole ai microfoni di Supertennis. L’unico posto disponibile per il main draw maschile se lo giocherà con il mancino genovese Andrea Basso che ha superato 7-5 7-6 Jacopo Berrettini. La sfida con il carrarese, che ha un anno in meno del tennista di Sesto, è intensa e a tratti spettacolare: Musetti serve bene in avvio, salva un set point e incamera il primo parziale con un tennis più continuo, mentre Sinner paga qualche errore di troppo. Il match torna in equilibrio quando il toscano abbassa un po’ il ritmo, Musetti arriva comunque a un punto dalla vittoria, ma il secondo tie-break sorride all’altoatesino più coraggioso e propositivo nonostante una fastidiosa vescica sotto il piede destro. Nel terzo Musetti fatica a tenere il ritmo di Sinner che allunga sul 5-3 40-0, il carrarese s’inventa due pennellate d'artista, cancella i tre match point, ma al quarto deve arrendersi.
ULTIMA CHANCE - La Chiesa intanto si è tenuta stretta un’ultima possibilità, quella di centrare il main draw in doppio, insieme a Jasmine Paolini, che battendo in tre set Giorgia Brescia ha già imboccato la scorciatoia che porta dritta al tabellone principale del singolo femminile, raggiunto anche dalla 18enne marchigiana Elisabetta Cocciaretto. La Chiesa e la Paolini, accreditate della prima testa di serie, hanno piegato in semifinale la romana Clarissa Gai e la toscana Federica Grazioso. La sfida decisiva sarà con la 24enne di Lavis Angelica Moratelli, in gara al fianco della laziale Federica Di Sarra; le due hanno messo sotto Giorgia Brescia e Cristiana Ferrando, che avevano eliminato la roveretana Elisa Visentin e la parmense Isabella Tcherkes Zade.

I risultati delle semifinali
Singolare femminile per il main draw
Elisabetta Cocciaretto b. Lucrezia Stefanini 6-3 6-3 - (Cocciaretto wild card per il main draw; Stefanini wild card per le qualificazioni)
Jasmine Paolini b. Giorgia Brescia 6-1 5-7 6-2 - (Paolini wild card per il main draw; Brescia wild card per le qualificazioni)
Singolare femminile per il tabellone di qualificazione
Anastasia Grymalska b. Deborah Chiesa 6-2 6-7(4) 64 - (Grymalska wild card per le qualificazioni)
Cristiana Ferrando b. Monica Cappelletti 7-5 7-6(6) - (Ferrando wild card per le qualificazioni)
Singolare maschile per il main draw
Jannik Sinner b. Lorenzo Musetti 6-7(5) 7-6(6) 6-3, Andrea Basso b. Jacopo Berrettini 7-5 7-6(4)
Singolare maschile per il tabellone di qualificazione
Filippo Baldi b. Raul Brancaccio rit., Riccardo Balzerani b. Enrico Dalla Valle 61 62
Doppio femminile
Paolini/Chiesa b. Gai/Grazioso 7-5 6-3, Di Sarra/Moratelli b. Brescia/Ferrando 6-1 7-5

di Luca Avancini
Argomenti

News

Cerca in notizie

Inserire una parola di almeno 4 caratteri. Istruzioni.

Enter a word at least 4 characters. Instructions.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,016 sec.

FEDERAZIONE ITALIANA TENNIS - COMITATO TRENTINO
SanbaPolis CONI | via della Malpensada 84 | 38123 TRENTO | Telefono: 0461 237162
E-mail: federtennis@fittrentino.it
Partita IVA: 01379601006 | Codice fiscale: 05244400585